Notizie

Martedì 27 ottobre si è tenuta la 31esima sessione del Consiglio cittadino

28.10.2020. /// Notizie / Consiglio cittadino
Martedì 27 ottobre si è tenuta la 31a sessione del Consiglio cittadino della Città di Novigrad-Cittanova.

È stata approvata la relazione sull'operato della società Neapolis sport per il 2019, che ai consiglieri è stata brevemente presentata dal direttore Alen Luk, il quale ha ricordato che il compito principale della Neapolis sport è la gestione del palazzetto dello sport cittadino. È stato sottolineato, tra l'altro, che lo scorso anno le associazioni cittadine hanno utilizzato il palazzetto per più di 2.000 ore, che non comprendono le regolari partite di campionato così come altre competizioni di tutti gli sport e di tutte le età, che si svolgono regolarmente ogni fine settimana. È stato sottolineato che le associazioni e le società di Cittanova utilizzano gratuitamente il palazzetto dello sport, in base al contratto di locazione con la Città, che per il 2019 a tale scopo ha stanziato 3,6 milioni di HRK dal bilancio cittadino. Dalla vendita dei cosiddetti termini commerciali per l'utilizzo dei campi sportivi nel palazzetto e dall'affitto di locali commerciali nel 2019 sono state realizzate complessivamente 244 mila HRK di entrate. I costi annuali di manutenzione del palazzetto sono leggermente superiori a 879 mila HRK. Luk ha inoltre ricordato gli eventi - sportivi, culturali e di intrattenimento, circa 20 – che si sono svolti nel palazzetto nel corso del 2019.

È stata adottata la relazione semestrale sulla realizzazione del bilancio cittadino per il 2020spiegata brevemente dal f.f. assessore Adriano Petretić comunicando che nei primi sei mesi sono stati generati ricavi totali pari a 15,5 milioni di HRK, con una spesa di 21,77 milioni di HRK. Il disavanzo di 6,27 milioni di HRK così realizzato è coperto dall'eccedenza precedentemente ricavata pari a 10,57 milioni di HRK, riportata dall'esercizio finanziario precedente. La maggior parte delle entrate ridotte è relativa a entrate da tasse, proprietà e canoni, date le difficili condizioni commerciali dovute alla pandemia COVID-19 e alle conseguenti misure economiche attraverso le quali la Città ha esentato le imprese da determinati benefici e obblighi finanziari nei confronti della Città. Per quanto riguarda le spese sono stati evidenziati due importanti investimenti: la ricostruzione della sala cinematografica e il rinnovo dell'illuminazione pubblica, concordati prima della situazione di crisi causata dalla pandemia, mentre alcuni degli investimenti previsti sono stati temporaneamente rinviati. Il sindaco Anteo Milos ha commentato la realizzazione semestrale del bilancio, affermando che nonostante la situazione sfavorevole causata dalla pandemia, le operazioni finanziarie della Città sono stabili, tutti gli obblighi vengono eseguiti correttamente, e spera che la situazione sarà così anche in futuro. "Sul conto della Città ci sono costantemente 4-5 milioni di HRK, il che garantisce liquidità e stabilità delle finanze cittadine, quindi credo che continueremo così nei prossimi mesi, senza compromettere l'adempimento di tutti i suoi obblighi e le operazioni della Città, delle istituzioni cittadine e dei servizi pubblici. Lo stato del bilancio nei primi sei mesi è un riflesso delle circostanze causate dalla corona-crisi, ma le entrate del bilancio sono più deboli nella prima metà dell'anno, mentre la seconda metà di solito porta risultati finanziari leggermente migliori, quindi sarà così anche con il bilancio di quest'anno ", ha detto il sindaco.

È stata approvata la Delibera sulla vendita di immobili di proprietà della Città di Novigrad-Cittanova mediante negoziato diretto. La proposta è stata spiegata all’assessore responsabile Sandra Rugani Kukuljan, la quale ha detto che si tratta di due appezzamenti di terreno con una superficie totale di 850 m2 nella zona del PPA S.Antonio. La richiesta di acquisto del terreno è stata presentata dalla società Roto-Nova di Zagabria, proprietaria di altre due particelle catastali, con una superficie totale di 1.059 m2, che insieme alle altre due particelle di proprietà della Città formano un lotto edificabile pianificato all'interno del PPA S.Antonio. In tal caso e ai sensi della Legge sull’assetto territoriale, la Città in quanto unità di autogoverno locale, è obbligata su richiesta del proprietario terriero a vendere a prezzo di mercato, senza indire una gara pubblica, parte del terreno non edificato necessario per costituire un terreno edificabile non edificato in armonia con il piano di sviluppo urbano o il piano particolareggiato d’assetto, se quella parte non supera il 50% dell'area del terreno edificabile pianificato. Il lotto di pianificazione in oggetto numero 18 in conformità con il PPA S. Antonio ha una finalità turistica (per la costruzione di un albergo - T1) e il prezzo di vendita è determinato in base al prezzo ottenuto in una gara pubblica in cui è stata venduta la proprietà confinante avente stessa finalità. Trattasi di un prezzo leggermente superiore di 900 HRK per metro quadro, ovvero un totale di 766.241 HRK.

È stata approvata la Delibera sull'abolizione dello status di bene pubblico nell'uso generale di una parte dell’immobile. L’Assessore Rugani Kukuljan ha spiegato che si tratta di un lotto di terreno di 35 metri quadrati in via A. Smareglia a Carpignano, che nel catasto ha una finalità di una strada non classificata, sebbene non sia utilizzata da anni, ma è organizzata come cortile dell'edificio della famiglia Krnjić la quale ha inviato una richiesta per l'abolizione dello status di bene pubblico. Ai sensi della Legge sulle strade, quando la necessità di utilizzare una strada non classificata o parte di essa è definitivamente cessata, il suo stato di bene pubblico in uso generale può essere revocato e gli immobili il cui status cessa, rimane di proprietà dell’unità di autonomia locale, ha spiegato l’assessore.

È stata accettata la Conclusione sull'esenzione dal pagamento del contributo comunale per il condominio con nove appartamenti che sarà costruito nell’abitato di Stanzietta di Cittanova nell'ambito del Programma di edilizia agevolata della Città di Novigrad-Cittanova. L’assessore Rugani Kukuljan ha spiegato che in base alla Delibera sul contributo comunale cittadina, il Consiglio cittadino o il sindaco possono esonerare in tutto o in parte dall'obbligo di pagare il contributo comunale quando l'investitore è la Città, come in questo caso. L'importo del contributo comunale sarebbe di 330,5 mila kune, e questa esenzione dall'obbligo di pagamento ha ridotto il prezzo dell'investimento totale della costruzione del condominio, che alla fine riduce il prezzo degli appartamenti per gli acquirenti. Ricordiamo che gli appartamenti verranno venduti ad un prezzo inferiore rispetto al prezzo di mercato, tramite il Programma di edilizia agevolata, nell’ambito del quale si è conclusa in questi giorni una gara per la raccolta delle richieste di acquisto dell’appartamento, e sono pervenute circa 20 domande. Segue la determinazione della graduatoria ovvero della Lista di precedenza, sulla base dei criteri preventivamente stabiliti dal Consiglio cittadino.

È stata approvata la modifica della Delibera sullo svolgimento delle attività comunali nell'area della Città. L’assessore Rugani Kukuljan ha spiegato che questa è la parte della Delibera relativa all'attività comunale di spazzacamino, che - come ha sottolineato - è importante per la sicurezza della comunità ed è necessario agire rapidamente, economicamente e a beneficio di tutta la comunità. Secondo la Delibera vigente, i lavori di spazzacamino vengono aggiudicati tramite concessione. La procedura è regolata dalla Legge sulle concessioni ed è impegnativa sia per il committente che per l'offerente, il che alla fine porta al ritiro della domanda a causa dell'elevato volume di documentazione richiesta.
Nel mese di agosto e settembre di quest'anno, la Città di Novigrad-Cittanova ha indetto una gara per l'aggiudicazione di una concessione per i lavori di spazzacamino, alla quale nessun soggetto ha presentato domanda.

È stata approvata la Delibera sull'esenzione dal pagamento del canone di concessione per lo svolgimento di attività comunali per il 2020. La presente Delibera prevede la possibilità di liberare parte dell'obbligo per un importo pari al 30% del canone di concessione totale per il 2020, a causa di circostanze straordinarie causate dalla pandemia COVID-19, se i ricavi nel periodo dal 1 gennaio al 30 giugno 2020 sono ridotti di 30 e più per cento rispetto all'anno precedente. In questo caso particolare, trattasi della concessione per il trenino turistico, che ha presentato alla Città una richiesta di riduzione dell'obbligo di concessione, e ha documentato il calo delle entrate rispetto allo scorso anno, ha indicato l’assessore Rugani Kukuljan.

È stata approvata la Delibera sull'avvio delle modifiche e integrazioni al Piano urbanistico d’assetto della zona imprenditoriale Stanzia Vinieri. Con modifiche e integrazioni si procederà sulla base di una richiesta di un soggetto economico locale, che necessita delle modifiche al PUA a causa dell'ampliamento delle attività, sicuramente auspicabile e gradito, ha spiegato la Rugani Kukuljan. Ha inoltre annunciato che tramite le modifiche e integrazioni al piano sarà realizzata la bozza del piano per la suddivisione dei lotti edificabili e le relative condizioni di costruzione e sistemazione, saranno modificate le condizioni di costruzione con i progetti sviluppati di attrezzature infrastrutturali degli abitati e delle infrastrutture comunali costruite, verranno modificati e integrati scopo, condizioni di costruzione e sistemazione in conformità con i regolamenti e il Piano regolatore della Città di Novigrad-Cittanova, e rivedute le soluzioni di traffico esistenti, gli incroci e gli accessi ai lotti.
È stata accettata la Delibera sulla selezione degli offerenti più favorevoli nella gara per l'affitto di terreni agricoli di proprietà della Repubblica di Croazia nella zona della città di Novigrad-Cittanova. L’assessore Luk ha ricordato che la gara è stata indetta nel mese di giugno di quest'anno e che offriva un totale di 118,1 ettari di terreno in affitto. Di questo, nel comune catastale Quieto inferiore 9,3 ettari offerti per un periodo di 25 anni, mentre nell'area del comune catastale di Cittanova sono stati offerti 83,7 ettari per 25 anni e 25 ettari per 5 anni. Alla gara sono pervenute 38 offerte, sulla base delle quali 80,9 ettari sono stati offerti in affitto per 25 anni, e per 5 anni 25 ettari, per un totale di 105,8 ettari. I restanti 12,2 ettari saranno nuovamente offerti in affitto nella prossima gara, che potrebbe essere indetta tra 2-3 mesi, ha stimato Luk. Ha inoltre annunciato la procedura successiva, che, a seguito di questa Delibera del Consiglio cittadino sulla selezione dei migliori offerenti, prevede la richiesta di approvazione della selezione da parte della Regione istriana e del Ministero dell'agricoltura e silvicoltura della Repubblica di Croazia. Dopo aver ottenuto il consenso del Ministero, la Procura comunale dello Stato è tenuta ad approvare la bozza di contratto di locazione, seguita dalla sottoscrizione del contratto tra sindaco e offerente, e infine entrata in possesso con verbale redatto da apposita Commissione.

Nell'ambito di questa sessione del Consiglio cittadino, Reuf Šerbečić, amministratore della società comunale 6. maj odvodnja, ha presentato il progetto di costruzione e ricostruzione del sistema di drenaggio nell'agglomerato di Cittanova-Verteneglio e l’ampliamento dell'impianto di trattamento delle acque reflue esistente a Cittanova. Questo fa parte di un progetto dell'UE più ampio, che include un investimento estremamente elevato nel sistema di drenaggio delle acque reflue nell'area dell'agglomerato Umago-Slavore-Cittanova, del valore di 554,36 milioni di HRK. Šerbečić ha ricordato la cronologia delle attività finora realizzate, compresa la firma della scorsa settimana di un contratto con l'appaltatore per l'ammodernamento dell'impianto di trattamento delle acque reflue, e come una delle importanti attività in corso ha sottolineato il recente completamento della selezione degli appaltatori per la ricostruzione del resto della rete fognaria dopo di che potrebbero iniziare i lavori, già questo inverno. "Si tratta di opere la cui durata è prevista fino al 2024, quando il sistema dovrà essere in funzione. Poiché i lavori nell'area di Cittanova si svolgeranno all'interno del centro storico, cercheremo di adattarci il più possibile alle esigenze della popolazione, dell'economia e del turismo. Tuttavia, poiché si tratta di un ambito di lavoro ampio e impegnativo, avremo bisogno della buona volontà, comprensione e pazienza dei nostri concittadini ", ha affermato Šerbečić. Un messaggio simile è stato inviato in questa occasione dal presidente del Consiglio Vladimir Torbica e dal sindaco Milos, che hanno sottolineato che si tratta del progetto più importante di Cittanova negli ultimi decenni, un progetto che fornirà infrastrutture migliori della città vecchia e quindi fornirà le esigenze infrastrutturali per un più lungo periodo di tempo, per i prossimi 100 anni o più.
 

 
 

Termini d'uso | Protezione della privacy | Dichiarazione di accessibilità | Impressum | RSS

Copyright © 2011 Grad Novigrad | La Citta' di Cittanova.