Notizie

La ricerca archeologica nel centro storico di Cittanova ha riportato alla luce reperti eccellenti

01.03.2018. /// Notizie
La ricerca archeologica che viene effettuata nell'ambito dei lavori di ampliamento dell'albergo Cittar nel centro storico, in corso in questi giorni, ha riportato alla luce reperti molto interessanti. Accanto alla tomba ritrovata di recente contenente diversi scheletri, gia' a conoscenza dell'opinione pubblica, in questi giorni sono stati ritrovati altri reperti molto importanti, da gioielli a oggetti d'uso quotidiano, fino alla struttura originale delle mura cittadine, costruite molto prima di qelle che vediamo oggi e che risalgono al Medioevo (XIII sec.)

Si presume che i resti delle vecchie mura risalgano al Tardo Antico oppure al Primo Medioevo. Infatti, all'inizio di un periodo molto bellicoso e instabile del Tardo Antico, gli abitanti di questi luoghi sono stati costretti a trasferirsi in luoghi piu' sicuri e piu' facilmente difendibili, come sulle colline, su isole e penisole. Lo stesso e' successo anche con l'antico insediamento all'interno del centro storico di Cittanova che nei documenti del VI sec. viene chiamato Neapolis, Civitas Nova e Castellum Novas. Sulle fondamenta dell'insediamento tardo antico di Cittanova, si e' sviluppata una ricca struttura urbana che si e' costantemente ampliata, da Bisanzio fino a oggi.

I resti delle mura venuti alla luce vanno in direzione nord-sud, sono paralleli e alla distanza di 6 metri dalle mura odierne, e dimostrano l'ampliamento della citta' nel XIII. sec. Sono state realizzate in modo che per prima e' stata costruita la facciata esterna, mentre l'interno e' stato riempito con pietre e intonaco. Con la loro larghezza di 200-220 cm erano molto piu' imponenti di quelle attuali. Le mura sono divise da un passaggio che piu' tardi e' stato rinforzato ai lati con strutture aggiunte, probabilmente per rafforzare l'entrata. Con la cessazione del loro utilizzo e' stato murato un passaggio che piu' tadri e' stato utilizzato come spazio per l'inumazione delle salme, ovvero come tomba per piu' persone, scoperta anch'essa nella stessa ricerca archeologica. Inoltre, lo stesso spazio veniva utilizzato anche per altre sepolture, infatti accanto alla tomba piu' grande sono state ritrovate le tombe di tre bambini. Le tombe dei bambini sono state realizzate con molta cura con lastre di pietra a creare una scatola.

Accanto alle mura, sono state scoperte altre strutture murate appoggiate alle mura, tra cui una tomba in muratura. Le tombe in muratura si continuano a utilizzare nel Tardo Antico e anche nel Medioevo. Siccome l'inventario di queste tombe e' molto piu' ricco di quello ritrovato nelle altre tombe, si presume che questa appartenesse a qualcuno di alto stato sociale. La tomba in muratura ritovata a Cittanova conteneva i resti di diversi defunti e altri reperti molto interessanti: due fibbie di bronzo, orecchini, pettini in osso, una parte di un coltello e altri oggetti in metallo. Gli oggetti ritrovati suggeriscono che la tomba risale al VII secolo. La tomba era ricoperta con lastre di pietra molto spesse, mentre lo spazio sovrastante e' stato utilizzato piu' tardi per la sepoltura di altri defunti.

Dopo la conclusione della ricerca archeologica, le strutture archeologiche ritrovate verranno protette e ricoperte. Seguira' la continuazione dei lavori edili per l'ampliamento della struttura alberghiera. I reperti ritrovati invece verranno trattati e custoditi presso il Museo della citta' di Umago, mentre gli oggetti di bronzo e di ferro verranno trattati al fine della loro conservazione.

Da aggiungere che il dirigente dei lavori archeologici di recupero e' stato Vjekoslav Iličić, collaboratore esterno del Museo della citta' di Umago, accanto ad Anika Mijanović, archeologa presso lo stesso museo e Marin Severović, studente di archeologia.
 

 
 

Termini d'uso | Protezione della privacy | Impressum | RSS

Copyright © 2011 Grad Novigrad | La Citta' di Cittanova.