Notizie

Korlević ha tenuto in Lapidarium una conferenza sull'impatto dell'uomo sull'ambiente

27.05.2015. /// Notizie
In occasione della Giornata internazionale dei musei che ricorre il 18 maggio, il Muzej-Museo Lapidarium ha invitato il noto astronomo ed educatore croato Korado Korlević. Il tema di questa Giornata internazionale dei musei era “I musei per una societa' sostenibile” nell'ambito della quale sono stati invitati a organizzare mostre, tribune e conferenze, a intraprendere un ruolo attivo nella promozione di idee nuove sull'ambiente e sulle risorse e a gestire la transizione verso un modello nuovo, sostenibile di sviluppo della societa'.

Korado Korlević durante la sua conferenza dal titolo „L'impatto globale e locale dell'uomo sull'ambiente“ ha parlato dell'azione delle radiazioni elettromagnetiche sulla Terra e di conseguenza sulle persone. La circolazione e l'assorbimento dei gas negli oceani, l'aumento del livello del mare, il fracking, l'azione del Sole sulla vita sulla Terra, ma anche i suoi impatti negativi sulla salute dell'uomo, sono solo alcuni dei temi di cui si e' parlato.

Nell'esempio del fiume Quieto, Korado Korlević ha dimostrato come l'uomo influisce sull'ambiente locale. Nel momento in cui negli anni trenta del secolo scorso e' iniziata la riforma agraria di Mussolini chiamata la „Battaglia del grano“, e' partita pure una serie di interventi idrici. Il fiume Quieto e' stato deviato fuori dal proprio corso naturale in un canale artificiale che impediva le alluvioni temporanee come invece succedeva prima. Per questo motivo l'ecosistema lungo il corso del fiume e' cambiato per cui nel fiume si depositano grosse quantita' di melma che impedisce la vita di diverse specie vegetali e animali. Questo cambiamento continua anche oggi con i lavori costanti dell'economia idrica che hanno come conseguenza l'afflusso di grosse quantita' di melma e di fango fino alla foce del fiume Quieto e della Val di Torre, nonche' fino a Umago. Il ripristino del corso precedente, ovvero naturale del fiume Quieto pero' e' ancora possibile, come e' stato fatto nella citta' austriaca di Spittal am der Drau. Questa citta' dopo una lunga lotta contro la natura creando argini per impedire al fiume Drava di straripare, ha deciso infine di collaborare con essa. La citta' di Spittal am der Drau ha dato la possibilita' al fiume Drava di straripare temporaneamente e naturalmente dal suo corso sui terreni agricoli e sui prati circostanti il che si e' dimostrato come una soluzione piu' efficace della costruzione di argini artificiali che spesso non riescono a trattenere le acque torrenziali particolarmente forti. Questo esempio potrebbe essere applicato anche per il Quieto.

Alla fine della conferenza Korlević ha lodato gli esempi istriani delle iniziative civili come Il nostro torrente a Pisino, che sono insorte contro gli interventi di determinate aziende idriche sull'ambiente. „I cittadini organizzati hanno il potere di cambiare in meglio la propria comunita' locale“, ha concluso Korlević.
 

 
 

Termini d'uso | Protezione della privacy | Impressum | RSS

Copyright © 2011 Grad Novigrad | La Citta' di Cittanova.