Notizie

E' il momento di trattare i vigneti contro la cicalina della vite

12.06.2017. /// Notizie / Agricoltura
Il Servizio agricolo di consulenza avvisa i viticoltori che in Istria e' stata confermata anche lo scorso anno la flavescenza dorata della vite, causata dalla cicalina della flavescenza dorata . L'elenco di tutti i comuni catastali in cui il fitoplasma e' stato confermato e' pubblicato nella Gazzetta ufficiale nro. 51/17.

I sintomi della flavescenza dorata della vite diventano evidenti alla fine di giugno, in luglio e in agosto.
Nella maggioranza delle varieta' i bordi delle foglie si accartocciano verso il basso (non e' il caso della malvasia) e prendono una forma triangolare. Nelle varieta' di uve bianche il colore delle foglie diventa da verde chiaro a giallo oro, mentre nelle varieta' rosse diventa rossiccio. Le foglie ammalate maturano prima e cadono piu' tardi, sono rigide e strette nel palmo della mano si rompono. Un'altra caratteristica e' che i pampini non maturano allo stesso tempo e spesso restano completamente verdi fino alla fine della vegetazione.

Il fitoplasma viene trasmesso mediante le cicaline e la malattia puo' proliferare anche mediante le giovani piantine gia' infette. Misure dirette per debellare il fitoplasma non ci sono, percio' sono necessari accorgimenti indiretti che comprendono la piantumazione di piantine sane e l'eliminazione dei vettori per prevenire che il fitoplasma si presenti e propaghi. La cicalina della vite (Scaphoides titanus ) e' il vettore che trasporta il fitoplasma della flavescenza dorata.

Nelle aree infette e in quelle di sicurezza e' necessario applicare misure di tutela indirizzate contro la cicalina. Per i viticoltori questo e' un obbligo dettato dall'Ordinanza sull'applicazione di misure atte alla prevenzione del propagarsi e all'eliminazione della flavescenza dorata (GU 46/17). E' stata emanata inoltre la Delibera sulla definizione delle aree di demarcazione nelle quali vengono attuate le misure di prevenzione del propagarsi e dell'eliminazione della flavescenza dorata causata dalla cicalina della vite (GU 51/17). La zona di demarcazione si compone dell'area infetta (di almeno 1 km dal luogo in cui e' stata determinata la presenza dell'organismo nocivo) e dell'area di sicurezza attorno al focolaio, di almeno 5 km dal confine della zona infetta.

La meta' di giugno e' il momento per il primo trattamento. A tale scopo in Croazia sono registrati i seguenti insetticidi: Actara 25 WG, Sumialfa 5 FL, Nurelle D, Chromorel D, Decis 2,5 EC, Reldan 22 EC, Asset te Cythrin Max. Per non nuocere alle api e' necessario effettuare il trattamento nelle ore serali.

Informiamo tutti i viticoltori dell'Istria che hanno l'obbligo di:
- controllare regolarmente a vista le proprie viti onde notare eventuali sintomi di infezione
- avvisare il competente ispettore fitosanitario in merito ai sintomi evidenziati
- eliminare e distruggere, a proprio carico, i tronchi di vite infetti, in base al decreto dell'ispettore che ne ordina l'eliminazione
- sradicare i vigneti infetti e le piante di clematide – una pianta secondaria che ospita il fitoplasma della flavescenza dorata
- controllare la presenza della cicalina della vite mediante il collocamento dei pannelli gialli dall'inizio di luglio alla fine di settembre
- debellare la cicalina della vite in tutti i vigneti e nei vivai di vite nelle aree infette e in quelle di sicurezza.

Avvisiamo gli agricoltori che nel trattamento dei vigneti possono utilizzare esclusivamente gli insetticidi registrati. I dati inerenti ai prodotti registrati sono elencati nel sistema informatico fitosanitario (FIS) all'indirizzo web: http://fis.mps.hr/trazilicaszb/.
 

 
 

Termini d'uso | Protezione della privacy | Impressum | RSS

Copyright © 2011 Grad Novigrad | La Citta' di Cittanova.